Tour di legature con Linuschka

La scorsa settimana ho avuto occasione di provare un prototipo di lana di Linuschka in taglia 5 con seta, pure se non conosco esattamente la grammatura:

Triweave with 42% organic cotton 58% silk (here are 2 different kind of silk – tussah nubby silk and spun silk)

Questa volta la recensione la voglio fare con una visione un po diversa dal solito. Voglio parlare dell’esperienza che ho avuto dal punto di vista delle legature fatte. Ho provato varie legature cercando qual’era la più comoda e raccontare così le mie sensazioni con ognuna.

dh_tas

La prima sensazione che ho avuto toccando la fascia è di una fascia fina, pure se mi sono accorta immediatamente che era abbastanza più spessa di quel che sembrava inizialmente. La prima legatura che ho provato è stata una DH CCCB. Come ho già detto, pensavo fosse più fina di quel che era realmente e, facendo il candycane, mi sono accorta che era abbastanza spessa e il risultato era un rotolone abbastanza evidente. La seconda sensazione, apparte dello spessore, è di un grip incredibile. Al passare il secondo strato nella schiena di Luca, la stoffa si aggrappava al primo strato come se fosse velcro. Camminando verso casa è arrivata la terza sensazione, il caldo. La fascia trasmette calduccio, tant’è che siamo tornati a casa senza giacca, la fascia ci riscaldava abbastanza da non averne bisogno.
Con questa legatura stavo comoda, ma avendo il candycane così grosso mi dava un po fastidio… e così sono passata alla seguente legatura.

dh_saltwater

Dato che con la DH stavo comoda, semplicemente ho provato un’altra chiusura. E questa volta ho fatto una DH Saltwater. È stato qui quando mi sono resa conto di una quarta sensazione, che avevo notato nella prima legatura ma non ci avevo fatto molto caso: il sostegno. Questa fascia da un sostegno bestiale ed è perfetta per bimbi grandicelli.
Con questa legatura stavo più comoda che con la precedente, ma continuavo ad avere una fascia spessa e alla fine avevo un nodo abbastanza notevole nella schiena. Così sono passata a fare un’altra legatura.

IMG_20151223_192227

Questa volta sono passata a fare una Shepherd. Stesse sensazioni di grip, caldo e sostegno che con le legature precedenti. Questa volta, però, avendo il nodo nel petto, pure se era comunque un nodo grosso, è risultata essere una legatura più comoda.
Non è una legatura che in genere mi piace fare con una taglia 5, ma dato che stavo molto comoda con questa legatura e fascia, decisi di concludere qui le prove di varianti di DH e passare ad altri tipi di legature :-)

giselles

Dato che la taglia era lunga, decisi di provare legature di tre strati, scegliendo, come prima legatura, la Giselle’s Back Carry.
Il risultato è stato una legatura comoda dato che si chiude in spalla e pertanto lo spessore della fascia non dava fastidio. Ma ci sono degli inconvenienti. Tenendo tanto grip, si fa un po di fatica nel regolare bene la tensione dato che ogni strato si aggrappa al precedente come fosse velcro e ci si mette un po nel tensare come si deve. Inoltre, avendo tanto sostegno la fascia in sé, per me, avanzano strati dato che risultano un po innecessari. Pure se devo dire che, una volta tirato bene e chiusa la legatura, il peso non si nota per niente. Se Luca non si fosse mosso, non avrei neanche notato che lo portavo in groppa :-)

canguro

Così sono passata a provare uno zainetto semplice con chiusura tibetana. Ed è qui che ho trovato la legatura perfetta per me e questa fascia. Un solo strato con molto sostegno e senza nodi. La fascia da un sostegno sufficiente per camminare con un bimbo grande di 11 chili durante un’ora con un solo strato e senza notare il peso. Con la chiusura tibetanta non avevo neanche un nodo grande e scomodo e, avendo tanto grip, la stoffa non si muoveva di un millimetro.

cristina

Arrivati a questo punto avevo già trovato la nostra legatura perfetta, ma erano passati solo 3 giorni e continuavo ad avere la fascia con me, quindi ho continuato a provare legature e vedere che ne veniva fuori. Decisi di provare di nuovo con una legatura a 3 strati. Questa volta, la Christina’s Ruckness. Nonostante avesse un nodo considerevole in vita, è stata una legatura comoda. Con questa ho avuto la stessa sensazione che con la Giselle. Col sostegno che da la fascia, non c’è bisogno di fare tanti strati e, avendo tanto grip, costa un po regolare en tensare bene dato che i vari strati si aggrappano l’un l’altro.

rrrr

E fu così che decisi di tornare alle legature a due strati e fare una RRRR.
Dato che la fascia era lunga, decisi di chiudere con un CCCB (si, un’altro rotolone enorme). Ma devo dire che mi sono trovata molto comoda. Il rotolone era grande, ma non dava fastidio e il sostegno che dava la fascia era spettacolare. E in questo modo ho trovato un’altra legatura perfetta per me e la fascia con due strati.
L’effetto velcro tra i vari strati c’è comunque in queste legature a due strati, ma la tiratura è molto più semplice e il risultato è fantastico.

Ma non potevo passare la fascia alla seguente tester senza prima provare com’era portando davanti. Così feci un’ultima legatura. Una delle legature più usate e delle prime che si fanno con un neonato: la FWCC.

cruz_envuelta

Nonostante Luca abbia due anni e un peso di circa 11 chili, non ho avuto bisogno di aprire i lembi laterali dato che notavo un sostegno sufficente. Inoltre, tra il caldo che ci davamo mutuamente e il calore che aggiungeva la fascia, non abbiamo avuto bisogno di una giacca per uscire…

Infine… Dopo aver finito il mio tour di legature con questa fantastica fascia, posso concludere che è una fascia che da molto sostegno, per bimbi grandi, per climi freddi e legature di uno o due strati. Una fascia grossa in cui rimangono nodi considerevoli, ideale per chiusure senza nodo, con anelli o annodate in spalla.